MOSTRA The organon experiment by Markus Keibel

Fondazione La fabbrica del cioccolato
Dettagli
Data

Dal 25 maggio 2019
al 12 ottobre 2019

Il libro Kratylos di Platone funge da base per la mostra di Markus Keibel “The Organon Experiment”. In quest’opera la parola e di conseguenza la lingua sono definite come un organon, vale a dire uno strumento. Aristotele si muove sulla medesima linea nella raccolta di scritti “Organon“, in cui l’arte della logica è descritta come uno strumento della scienza. Francis Bacon amplia, nella sua opera maggiore “Novum Organon“, il potere della mente, ponendo le basi del secolo dei Lumi. Il motto Sapere Aude (abbi il coraggio di conoscere) dei Lumi è il punto di partenza dell’approccio di Markus Keibel.

Egli ha distribuito 250 lettere scritte a mano agli abitanti della Valle di Blenio ponendo domande sul loro colore e libro preferiti. Le loro risposte costituiscono la parte principale della mostra e sono applicate come colore e ceneri del libro su 25 pietre, che si ergono su una griglia argentata nella grande sala della Fabbrica del Cioccolato, come una scultura composita direttamente correlata alle domande poste.

Nel video “Molotow” Keibel testimonia la bellezza e il potenziale distruttivo del fuoco mostrando in Super Slow Motion l’esplosione di una bottiglia piena di gas. Il rogo dei libri costituisce, per l’artista tedesco, un approccio provocatorio che si ricollega al tristemente famoso Index librorum prohibitorum della Chiesa cattolica romana o ai famigerati roghi dei libri “maligni” perpetrati in Germania nel 1933 dalle autorità nazionalsocialiste.

L’opera di Keibel apre una discussione sulla censura, come concreto atto costrittivo del potere politico. Nel contempo però evidenza anche un altro pericolo che incombe sul libro stampato: quello dell’affermarsi di un mondo sempre più digitalizzato che ne altera la lettura. Così, in un’era di semplificazione e irrazionalità, il pensiero indipendente rappresenta la base di una nuova convivenza e l’arte il campo di sperimentazione di queste visioni.

Condividi